Apple cita Qualcomm per 1 miliardo di dollari

Apple cita Qualcomm per 1 miliardo di dollari

L’azienda di Cupertino denuncia Qualcomm per diritti dui brevetti.

La questione riguarda i compensi richiesti dal fornitore di chip per alcuni brevetti di cui in realtà Qualcomm non detiene alcun diritto. L’azienda avrebbe quindi sfruttato il successo degli smartphone Apple per incassare compensi che in realtà non gli erano dovuti, per un totale, quantificato da Apple, di ben 1 miliardo di dollari.

Di seguito il comunicato rilasciato da Apple a riguardo:

For many years Qualcomm has unfairly insisted on charging royalties for technologies they have nothing to do with. The more Apple innovates with unique features such as TouchID, advanced displays, and cameras, to name just a few, the more money Qualcomm collects for no reason and the more expensive it becomes for Apple to fund these innovations. Qualcomm built its business on older, legacy, standards but reinforces its dominance through exclusionary tactics and excessive royalties. Despite being just one of over a dozen companies who contributed to basic cellular standards, Qualcomm insists on charging Apple at least five times more in payments than all the other cellular patent licensors we have agreements with combined.

To protect this business scheme Qualcomm has taken increasingly radical steps, most recently withholding nearly $ 1B in payments from Apple as retaliation for responding truthfully to law enforcement agencies investigating them.

Apple believes deeply in innovation and we have always been willing to pay fair and reasonable rates for patents we use. We are extremely disappointed in the way Qualcomm is conducting its business with us and unfortunately after years of disagreement over what constitutes a fair and reasonable royalty we have no choice left but to turn to the courts.

L’accusa di Apple nei confronti del chipmaker segue quella recentemente mossa sempre nei confronti del produttore di chip da parte della FTC statunitense, riguardante l’utilizzo di pratiche monopolistiche per evitare che Apple stringesse accordi di partnership con società concorrenti per i propri prodotti.

Dal canto suo la risposta di Qualcomm non si è fatta attendere, attraverso un comunicato stampa riportato di seguito:

È abbastanza chiaro che le accuse di Apple si basino sul nulla. Apple ha intenzionalmente caratterizzato in modo falso i nostri accordi e alle nostre negoziazioni. Apple ha attivamente incoraggiato continui attacchi agli affari di Qualcomm in varie giurisdizioni del mondo, come testimoniano la recente decisione della KFTC e la denuncia della FTC

I rapporti tra le due aziende sembrano ormai essersi incrinati del tutto. Apple potrebbe decidere così di affidarsi ad un’altra azienda per la fornitura dei chip baseband per i propri dispositivi ed in prima fila sembra esserci Intel.

15
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com