OS X diventa macOS e porta in dono Siri

OS X diventa macOS e porta in dono Siri

Come più volte trapelato nei giorni precedenti la WWDC 2016, Apple ha ribattezzato OS X in macOS.

Nella serata di ieri, durante il Keynote della conferenza annuale dedicata agli sviluppatori, Apple ha annunciato la prossima versione del sistema operativo desktop che equipaggia i suoi computer desktop: macOS Sierra.


La prima novità evidente è il cambio di nome, che da OS X diventa macOS, allineando la nomenclatura della piattaforma desktop a quella delle altre piattaforme di Cupertino.


La seconda novità, attesa da tempo, è l’integrazione dell’assistente virtuale Siri nel sistema operativo. Grazie all’arrivo di Siri, il multitasking assume un ruolo fondamentale: potremmo ad esempio inviare un messaggio o una mail dettandole a Siri mentre svolgiamo un altro compito. Siri potrà inoltre ricercare file o foto con determinate caratteristiche e svolgere tutta una serie di funzioni particolari.


Altra novità di peso è il potenziamento della funzione Continuity, con l’arrivo di una Clipboard universale tramite la quale è possibile effettuare il copia ed incolla tra dispositivi diversi.
Arriva poi su macOS il supporto ad Apple Pay, con il quale è possibile effettuare pagamenti sui siti che supportano il servizio di Cupertino autorizzandoli attraverso il Touch ID dell’iPhone o un doppio clic sulla corona dell’Apple Watch.


Grandi novità anche per l’app Foto, che finalmente introduce la possibilità di raggruppare le foto in base al luogo dove sono state scattate, attraverso l’album Places, o in base ai volti delle persone presenti nelle foto. Aggiunta inoltre la funzione di ricerca intelligente, attraverso la quale è possible ricercare le foto anche in base agli oggetti contenuti all’interno di queste. Altra novità dell’app Foto è la funzione Memories attraverso la quale è possibile ritrovare foto a volte “dimenticate” e creare slide show o collezioni che possono essere condivise con altre persone.


Interessante novità aggiunta al sistema operativo è quella che permette di eseguire il log-in al proprio Mac attraverso l’Apple Watch: basterà infatti indossare questo per poter effettuare l’accesso al proprio computer Mac.


Arriva anche su desktop la funzione di Picture in Picture, attraverso la quale è possibile riprodurre un video da Safari o da iTunes in una finestra flottante di dimensioni a propria scelta che si può sovrapporre a qualsiasi app si stia usando, anche a schermo intero.


In macOS Sierra verrà inoltre estesa la funzionalità di iCloud Drive, che ora sincronizzerà in automatico il contenuto della cartella Documenti e del Desktop, in modo da averli sempre disponibile su tutti i propri dispositivi.


macOS Sierra verrà rilasciato come aggiornamento gratuito per tutti i Mac che attualmente supportano El Capitan nel corso del prossimo autunno, mentre la prima beta è già disponibile per gli sviluppatori iscritti al programma Developer di Apple. Una beta pubblica è prevista, tramite iscrizione, per il mese di luglio.

46
Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com